5x1000: Sostieni i nostri progetti scegliendo di donare il tuo 5 per 1000 a SOS BAMBINO. Codice fiscale: 9 5 0 5 1 9 1 0 2 4 8


Modalità
Adotta un bambino a distanza
5 X 1000
Ogni contributo è fiscalmente detraibile
Donazioni solidali: visita il sito!
La Bottega SOlidale

Ente autorizzato ex art. 39 L. 184/83 ISCR.ALBO 18/10/2000 su tutto il territorio italiano
Sede centrale

Via Monteverdi 2/A 36100 Vicenza
Tel. 0444/570309
Fax. 0444/282584
Dal lunedì al venerdì 8.30-18.00
E-Mail: info@sosbambino.org

Il giornale

Rivista sull'infanzia e la cultura dell'adozione



PROGETTI DI COOPERAZIONE: PROGETTI REALIZZATI
Renacer


SOGGETTO PROMOTORE:
SOS Bambino International Adoption Onlus in collaborazione con altri Enti

ENTE FINANZIATORE:
Commissione Adozioni Internazionali

RISORSE IMPEGNATE
3.000,00 € (quota S.O.S. Bambino)

PERIODO DI REALIZZAZIONE
2003 - 2004

AREA DI INTERVENTO:
L’area metropolitana di San Josè – Costa Rica

BENEFICIARI:
Le ragazze di strada e le ragazze madri con i loro bambini residenti nella città di San Josè in Costa Rica

DESCRIZIONE DEL PROGETTO:
In continuità e coerenza con la Strategia e il Piano Nazionale di riforma del sistema e dei servizi di protezione dell’infanzia del Costa Rica, S.O.S. Bambino ha inteso concorrere alla tutela dei bambini e dei ragazzi di strada con particolare attenzione alle ragazze-madri affinché venisse data loro l’opportunità di inserirsi a livello sociale, rendendosi autonome da un punto di vista professionale e responsabili nel loro ruolo di genitrici.

Attraverso la sensibilizzazione delle famiglie, degli operatori delle Associazioni del territorio, dei Servizi Sociali, degli Enti locali verso le problematiche connesse alla prostituzione minorile e attraverso la formazione degli educatori di strada, l’Associazione ha cercato di prevenire situazioni di emarginazione sociale e di degrado per i bambini e i ragazzi di strada con particolare attenzione alle ragazze-madri, sottraendole al rischio della vita per strada (spesso vittime di sfruttamento e prostituzione).

L’Ente ha contribuito inoltre all’attivazione di laboratori di apprendistato, sottoforma di stage, presso aziende del territorio, al fine di promuovere il reinserimento lavorativo delle giovani ragazze garantendo una forma di sostentamento economico per sé e per i loro bambini. È stata creata inoltre una rete locale di famiglie affidatarie e sono state predisposte case di accoglienza per ragazze madri con i loro bambini. Lo scopo era quello di offrire le condizioni per il mantenimento e la crescita del proprio figlio, attraverso alternative concrete ad una prospettiva di abbandono del bambino in istituto.