5x1000: Sostieni i nostri progetti scegliendo di donare il tuo 5 per 1000 a SOS BAMBINO. Codice fiscale: 9 5 0 5 1 9 1 0 2 4 8


Modalità
Adotta un bambino a distanza
5 X 1000
Ogni contributo è fiscalmente detraibile
Donazioni solidali: visita il sito!
La Bottega SOlidale

Ente autorizzato ex art. 39 L. 184/83 ISCR.ALBO 18/10/2000 su tutto il territorio italiano
Sede centrale

Via Monteverdi 2/A 36100 Vicenza
Tel. 0444/570309
Fax. 0444/282584
Dal lunedì al venerdì 8.30-18.00
E-Mail: info@sosbambino.org

Il giornale

Rivista sull'infanzia e la cultura dell'adozione



PROGETTI DI COOPERAZIONE: PRIMO PIANO
Haiti: mattoni di speranza


SOGGETTO PROMOTORE:
SOS Bambino International Adoption Onlus

PARTNERS:
- Senza Frontiere Onlus
- Lo Scoiattolo Onlus
- Missione delle Suore Salesiane di Don Bosco – Figlie di Maria Ausiliatrice

ENTE FINANZIATORE:
Commissione Adozioni Internazionalia

DURATA:
aprile 2010 – maggio 2011

RISORSE IMPEGNATE:
210.000,00 €

AREA DI INTERVENTO:
Missione delle Suore Salesiane di Don Bosco - quartiere di Cité Militaire – Port-au-Prince - Haiti

DESCRIZIONE DEL CONTESTO:
Il 12 gennaio 2010 un violento terremoto ha colpito l'entroterra di Haiti in prossimità della capitale Port-au-Prince. Il bilancio delle vittime e dei danni materiali è apparso immediatamente drammatico. Le stime non sono ancora definitive ma ad oggi si conta che i morti siano più di 200mila, 250mila i feriti e 1,5 milioni i senza tetto. L'ONU ha dichiarato che il terremoto ha colpito, direttamente o indirettamente, un terzo della popolazione nazionale. Tutti gli ospedali della città sono crollati o sono risultati talmente danneggiati da dover essere evacuati. Sono stati distrutti o danneggiati anche le scuole, le università e gli istituti che ospitavano minori in stato di abbandono. La priorità in termini di salute pubblica è rappresentata dall'accesso all'acqua potabile e alle cure. Il terremoto ha distrutto case e infrastrutture, in particolare i sistemi, per quanto precari in città, di approvvigionamento di acqua potabile (pozzi, canalizzazioni, ecc.).

Si stima che circa la metà di tutti i feriti nella tragedia che ha colpito l'isola caraibica siano bambini.
Inoltre ci sarebbero circa 450mila minori senza genitori o addirittura senza familiari. Di questi, 180mila con meno di 5 anni. Quella dei tanti orfani affidati alle cure di istituti per l'infanzia, è infatti una piaga che affliggeva il Paese già prima del sisma e che ora, con l'emergenza, ha assunto dimensioni preoccupanti. Si conta che prima dei crolli causati dal terremoto fossero circa 200 gli istituti per minori sparsi in tutto il territorio nazionale, che accoglievano circa 20mila bambini.

Il progetto Haiti: mattoni di speranza verrà realizzato nel quartiere di Cité Militaire, situato a circa 4 km dal centro della capitale Port-au-Prince e a 2 km dall'epicentro del recente terremoto. Nel quartiere di è presente la Missione della Suore Salesiane Figlie di Maria Ausiliatrice che supportano le famiglie più povere del quartiere, bambini e ragazzi di strada e alcune bambine in stato di abbandono che vivono nell'Istituto e frequentano la scuola presenti all'interno della Missione. Tale Centro rappresenta un punto di riferimento imprescindibile per le famiglie del quartiere e per i circa 1.100 bambini e ragazzi che si rivolgono alle Suore Salesiane quotidianamente per ricevere cibo, istruzione e cure mediche.

BENEFICIARI:
- bambine accolte presso l'Istituto della Missione delle Suore Salesiane di Don Bosco
- bambini del quartiere Cité Militaire di Port-au-Prince che afferiscono alla Missione
- famiglie sfollate che attualmente vivono nel cortile della Missione
- famiglie del quartiere Cité Militaire che sono state gravemente colpite dal recente terremoto


OBIETTIVI:
- censire i bambini del quartiere Cité Militaire che afferiscono alla Missione delle Suore Salesiane di Don Bosco
- verificare lo stato giuridico dei minori del quartiere
- garantire la sicurezza dei bambini e degli sfollati che attualmente vivono nel cortile della Missione rispetto a possibili atti di sciacallaggio, furti e violenza
- consentire ai bambini e agli sfollati di beneficiare di condizioni igieniche consone e salubri
- prevenire il manifestarsi e il diffondersi di malattie connesse a condizioni igieniche e di vita inadeguate
- consentire la ripresa dell'attività scolastica per i bambini e i ragazzi all'interno della Missione
- avviare la costruzione di alcune abitazioni destinate agli sfollati che attualmente vivono nel cortile della Missione

ATTIVITA’:
- censimento dei minori del quartiere di Cité Militaire
- creazione di una banca dati informatica in cui inserire i nominativi e i dati dei minori precedentemente registrati
- ricostruzione della storia personale e familiare dei minori al fine di individuare la presenza di eventuali familiari a cui possano essere affidati e verifica delle risorse socio-affettive ed economiche delle famiglie
- ricostruzione del muro di cinta dell'Istituto presente all'interno della Missione crollato in seguito al terremoto
- ricostruzione della sezione dell'edificio della Missione adibita a scuola, gravemente danneggiata dalle scosse sismiche - messa in sicurezza attraverso mezzi antisismici dell'ala dell'edificio rimasta in piedi
- ricostruzione dei bagni completi di servizi igienici e docce per i bambini che si appoggiano alla struttura in regime diurno
- acquisto di filtri per rendere l'acqua potabile, di materiale igienico-sanitario, di generi alimentari, di letti e brandine, di biancheria e suppellettili vari, di materiale didattico
- costruzione di n. 5 abitazioni in muratura, antisismiche, dotate di servizi igienici e di mobilio di base

RISULTATI ATTESI
- registrazione anagrafica dei minori del quartiere di Cité Militaire
- ricongiungimento dei minori del quartiere di Cité Militaire con i propri genitori o altri familiari in grado di garantire loro cure adeguate e sostentamento
- riconoscimento dello stato giuridico dei minori di Cité Militaire
- prevenzione del traffico di minori e delle adozioni illegali
- riduzione del fenomeno dei bambini e dei ragazzi di strada
- miglioramento e messa in sicurezza della struttura dell'Istituto gestito dalle Suore Salesiane
- protezione delle famiglie e dei minori afferenti alla Missione dal rischio di subire atti di violenza e sciacallaggio
- miglioramento delle condizioni igieniche dei bambini e degli sfollati
- ripresa dell'attività scolastica all'interno della Missione
- creazione di una proficua collaborazione con enti pubblici e privati impegnati in interventi abitativi a favore delle famiglie sfollate che vivono nel cortile della Missione.

PER SOSTENERE IL PROGETTO MATTONI DI SPERANZA:
CONTO CORRENTE BANCARIO: N° 365760
INTESTATO A:S.O.S. Bambino INTERNATIONAL ADOPTION O. N. L. U. S.
Codice IBAN: IT41 Q057 2811 8160 1657 0365 760
PRESSO: Banca Popolare di Vicenza - Filiale n°3 – Vicenza
CAUSALE:Progetto Haiti: mattoni di speranza